IX Congresso FIAP 2020

IX Congresso FIAP 2020
Evoluzione e patologia dei legami

Il contributo della psicoterapia nella società contemporanea

Ciascuno sa che una vita senza alcuna emozione nei legami personali non può essere buona, e non vale la pena di essere vissuta

Agnes Heller

Cari colleghi,

l’immagine di Owen Gent, scelta per questo IX congresso FIAP, fa parte di una serie di illustrazioni alle quali l’autore ha dato il nome di Resurrection e, veramente, credo, sia oggi necessaria una “resurrezione” dei legami personali e sociali che possano ricostruire una vita di condivisione.

Da tempo si parla e si scrive sul tema della precarietà e della deriva verso la quale sta andando il nostro tempo. Andare alla deriva significa essere in balia delle correnti, senza una rotta tracciata e privi di strumenti che consentano di tracciarla, senza un timone e punti di riferimento da utilizzare per raggiungere un porto sicuro. Nella nostra pratica clinica spesso ci troviamo ad affrontare con i pazienti questo senso di vuoto e di inefficacia che si declina in varie situazioni problematiche e costellazioni psicopatologiche rispetto alle quali la nostra società ha una valenza patoplastica.

Nelle giornate del Congresso ci confronteremo su queste situazioni, ma sarà anche importante un confronto sul riuscire a leggere le risorse del nostro tempo nell’evoluzione dei legami, per ripensare un modello di crescita e un mondo in cui poter costruire legami che escano dal ristretto ambito individualistico, homo-centrico e occidente-centrico, per assumere dimensioni più ampie proprio ridando voce al bisogno di legame, facendo “risorgere” un equilibrio tra dignità dell’individuo e dignità del mondo a cui apparteniamo.

Quale funzione possiamo svolgere come psicoterapeuti nella nostra pratica professionale (e non solo) nel privato e nel pubblico utilizzando le nostre possibilità, capacità e coraggio?

Buon lavoro a tutti noi!

Luisa Martini

In evidenza

Giovedi 22 Ottobre 2020, dalle 17:30 alle 18:00

Giuseppe Ruggiero Legami musicali: l’amore, la cura, la bellezza e il dolore

piano e voce

“Guarisci questo sole prima del suo tramonto o almeno dacci il tempo di intonare verso il cielo un altro canto” GR

E se provassimo ad ascoltare la musica che sta dentro le parole? Se invece di soffermarci solo sui significati ci lasciassimo guidare dal ritmo e dalla sonorità della voce?

Come coltivare, prendersi cura e favorire lo sviluppo armonico dei legami affettivi?

Giuseppe Ruggiero propone una breve presentazione di alcuni suoi brani che hanno come filo conduttore l’esperienza dell’amore nelle sue diverse sfumature: la relazione di coppia, il legame tra genitori e figli, la relazione terapeutica.

“Legami musicali” vuole essere una metafora di come l’espressione creativa delle proprie parti vitali nella relazione con l’Altro emerge in una dimensione estetica, fondata sui valori del rispetto, del riconoscimento, della gentilezza e dell’autenticità.